Taste of Italy, il meglio del vino italiano in Svizzera

Taste of Italy, il meglio del vino italiano in Svizzera

Reading time Tempo medio di lettura: 
Fattoria Montemaggio

Lunedì, presso il “centro culturale LAC – Lugano arte e cultura” si è svolta la seconda edizione di Taste of Italy, ” il meglio del vino italiano in Svizzera “.
Tale evento per le aziende italiane rappresenta l’occasione per far conoscere le loro eccellenze ad un pubblico selezionato di professionisti del settore e wine lovers Svizzeri e per darsi visibilità in una piazza internazionale.

Il meglio del vino italiano in Svizzera

L’evento si è svolto nella sala 1 al terzo piano del LAC di Lugano. Suddiviso in due sessioni, la prima iniziata nel pomeriggio con incontri diretti tra le cantine Italiane e i professionisti Svizzeri (ristoratori, importatori, sommelier, stampa) e la seconda, svoltasi in serata e rivolta ai wine lovers ed intenditori selezionati.
L’edizione 2017 di Taste of Italy, “ il meglio del vino italiano in Svizzera ” è iniziata davanti a numerosi professionisti con i saluti e gli auguri di buona degustazione da parte degli organizzatori.
Ben 35 le aziende intervenute da 11 regioni Italiane, dal Veneto alla Sicilia, con oltre 75 vini in degustazione, per presentare “ il meglio del vino italiano in Svizzera ”.

Girovagando tra i “desks” di degustazione, presento alcune aziende che mi hanno personalmente colpito.

Fattoria di Montemaggio: Piccola azienda al femminile, situata nel comune di Radda in Chianti (nel cuore del Chianti classico). 70 ettari di proprietà che si articolano tra viti, olivi e boschi. Azienda appartenente al consorzio del Gallo Nero, che nel rispetto della natura, segue un’agricoltura biologica e aspira a produrre un vino di alta qualità, legata al territorio.

Cantina Aldeno: Azienda cooperativa nata nel 1972 tra la fusione della “cantina sociale di Aldeno” e “Unione vinicola Aldeno”. Situata nel comune di Aldeno, una piccola frazione tra Rovereto e Trento. L’unione dei vigneti si estende dalle pendici del monte Bondone di Ravina, Romagnano e Cimone, passando per Aldeno, Nomi e Rovereto, risalendo per Volano, Calliano e Besenello, arrivando fino a Trento. Aldeno segue un’agricoltura biologica e vanta il primato del titolo di produttore di vini “bio-vegan”.

Silvio Carta: Azienda Sarda a conduzione familiare. Offre un’ampia gamma di prodotti che spaziano dai vini ai liquori e ai distillati. L’azienda nasce inizialmente con l’attività di vinificazione per ampliarsi alle altre produzioni. Due sono le sedi di questa realtà dell’Oristanese, Lo stabilimento storico di Baratilli San Pietro, dove si concentra la produzione vinicola, e quello nuovo di Zediani, modernissimo e attrezzato per i liquori e distillati.

Borgo Stajnbech: Piccola e giovane realtà familiare situata a Belfiore di Pramaggiore (VE) nella zona del comprensorio Lison–Pramaggiore. Tredici ettari di vigneti che si ergono su terreni ricchi di calcio e argilla calcarea e avvolti da un clima dolce. Azienda che per la produzione di uve di grande pregio utilizza impianti ad alto numero di ceppi/ettaro e rispetta l’ambiente con sistemi ecocompatibili.

Un evento ben organizzato!

Con una buona affluenza di professionisti e wine lover Svizzeri e non. Un’occasione importante per far conoscere soprattutto realtà più piccole che con grande cura riescono ad esportare un prodotto di grande qualità, rispecchiando le caratteristiche del terroir nativo.

lista-cantine
Panormaca

Leggi anche

10 consigli su come godersi al meglio "Vinitaly 2017"

Giunto alla 51a edizione, come ogni anno richiama a Verona migliaia di persone. Alcuni consigli su come godersi il "Vinitaly

Leggi di più

Campagna "en primeur Bordeaux 2016"

La regione del vino per eccellenza in questo periodo dell'anno è come sempre sotto i riflettori. Gli chateaux mettono in mostra i loro gioielli e si contendono una facoltosa clientela, sempre più pronta a fare follie seguendo indicazioni, giudizi e punteggi...

Leggi di più

Ciao sono Patrizio e vi presento il mio blog

Per primo cosa sono i tannini? Il termine "tannini" fa la sua comparsa verso la fine del '700. Una sostanza chimica vegetale, con capacità legante e usata per la realizzazione del

Leggi di più

Vuoi saperne di più?

Contattami
X