Abbinamento cibo vino, ecco alcuni consigli

Abbinamento cibo vino, ecco alcuni consigli

Reading time Tempo medio di lettura: 
Giusti

Un assaggio attento di tanti vini e cibi, sperimentazioni e qualche regoletta teorica, sono gli elementi necessari che ci permetteranno di acquisire quell’esperienza, che ci porterà a migliorare la nostra capacità di creare un abbinamento cibo vino migliore.

Provare, assaggiare e riprovare…

La strada che porta ad un abbinamento cibo vino funzionante inizia con l’analisi di tutte le caratteristiche sensoriali che percepiamo (sapidità, tendenza dolce, tendenza acida ecc…).
La seconda parte sarà applicare la tecnica di abbinamento per concordanza o contrapposizione (che tratteremo più avanti nell’articolo).
Infine daremo un giudizio più o meno personale sulla riuscita dell’abbinamento.
Considerando che è complicato descrivere le sensazioni personali che associamo ad un cibo o un vino, la strada per allenarsi e riuscire a creare buoni abbinamenti è quella di provare, assaggiare e riprovare all’infinito.

Prima un po’ di storia

Luigi Veronelli” fu il primo a scrivere un testo riguardante questo argomento “Il Vino Giusto”, creando degli abbinamenti basati su alcune sensazioni date dal cibo e dal vino.
In seguito fu “Antonio Piccinardi” a proporre una vera e propria scheda grafica di abbinamento, presente nel suo testo “A Tavola Insieme”, creando un confronto sulle qualità organolettiche dei due elementi.
Successivamente “Pietro Mercadini” perfezionò queste schede e pose le basi delle linee guida che analizzeremo oggi.

E ora abbiniamo cibo e vino

Uno dei parametri che si può seguire per arrivare ad un buon abbinamento cibo vino è quello della territorialità. Altri due parametri da tenere in considerazione sono la contrapposizione e la concordanza.
L’abbinamento per contrapposizione consiste nella ricerca in un vino di sensazioni esattamente opposte alle percezioni di quelle di un cibo. Ad esempio sensazioni di sapidità, tendenza acida, tendenza amarognola, tendenza dolce, grassezza, untuosità e succulenza.
L’abbinamento per concordanza è invece dato dalla ricerca di sensazioni corrispondenti. Ad esempio un dessert si abbina ad un vino dolce.
Esistono però delle eccezioni nell’ abbinamento cibo vino, dette “abbinamenti impossibili”. Piatti particolarmente speziati e piccanti non riescono ad essere supportati nemmeno se abbinati a vini morbidi e profumati. Invece piatti composti da sotto aceti, insalate condite con abbondante limone o aceto, agrumi e fichi freschi vengono considerati “inabbinabili” a causa della loro spiccata acidità. Anche la forte nota amarognola di ortaggi come i carciofi crudi rende quest’ultimi “inabbinabili”. Infine anche gelati e sorbetti, a causa della loro bassa temperatura, preferiscono un abbinamento a un super alcolico rispetto al vino.

“Cibi e vini abbinati per tradizione, a volte, assumono sapori del tutto particolari se li si degusta nella loro terra d’origine”

L’ abbinamento cibo vino è un argomento piuttosto complicato, perché si basa su valutazioni legate al gusto personale.

Seguendo questi piccoli accorgimenti, tuttavia, si può sperimentare divertendosi e creandosi un bagaglio personale che ci porterà ad avere abbinamenti sempre più funzionanti.

Leggi anche

Vogliamo parlare di vino bianco? Parliamo di Chardonnay

Io che adoro andare alla ricerca di nuovi vitigni, nuove zone, nuovi vini di tutto il mondo; così da potermi arricchire di una nuova perla sconosciuta; sono assolutamente di parte:

Leggi di più

Associazione produttori Ribolla di Oslavia, e non solo…

L’associazione produttori Ribolla di Oslavia nasce con lo scopo di tutelare e far conoscere questo vitigno autoctono del Friuli Venezia

Leggi di più

Vino e musica un binomio avvincente

Qualche giorno fa mi sono auto invitato a pranzo da Marco, amico musicista, anche lui come me appassionato di vino e cibo, per scambiare qualche parola su questo argomento: vino e musica. Ecco com'è

Leggi di più

Vuoi saperne di più?

Contattami
X